Castelfranco, presentato il Premio Prunola. Ieri mattina, nella saletta Guidolin della Biblioteca, alla presenza del vicesindaco, Gianfranco Giovine, dell’assessore alla Cultura, Franco Pivotti, del direttore della Biblioteca e Museo, Matteo Melchiorre e degli organizzatori Andrea Tralli e Alessandro Coppo, è stata presentata la quinta edizione del premio letterario “Giorgione Prunola”, da quest’anno nella nuova denominazione “Giorgione Prunola” a sigillo della crescita del Premio. Il Premio gode del patrocinio della Regione del Veneto e della Città di Castelfranco Veneto ed è organizzato con la collaborazione delle locali sezioni di Rotary Club e Lions Club.

Queste in sintesi le novità per l’edizione 2020 presentate nel corso dell’incontro.

PREMIO CITTA’ DI CASTELFRANCO VENETO – L’Amministrazione comunale, con un’apposita commissione che verrà presto costituita, metterà a disposizione 2.000 euro quale premio da destinare alla carriera di uno scrittore contemporaneo.

GIURIA – Sono stati contattati con ottimi riscontri i finalisti dell’edizione 2019 proponendo loro accordi di collaborazione. “Avere scrittori conosciuti facenti parte di case editrici famose tra le fila della giuria ci qualifica come concorso letterario di alto livello e quest’anno, per la prima volta, sono stati alcuni scrittori entusiasti dell’esperienza a proporsi prima ancora che glielo chiedessimo”. Questi i 10 giurati:

  • Andrea Tralli: editore di Panda Edizioni, scrittore, co-organizzatore e ideatore del Premio Giorgione Prunola.
  • Alessandro Coppo: scrittore presso Panda Edizioni, co-organizzatore del Premio Giorgione Prunola.
  • Franco Pivotti: assessore alla Cultura del Comune Di Castelfranco Veneto
  • Paolo Bianchi: scrittore presso numerose case editrici e vincitore con “Donne smarrite uomini ribelli” Cairo Editore della sezione Narrativa Edita Prunola 2019. Collabora dal 2010 con Libero (soprattutto pagine cultura)
  • Cristiano Brion: scrittore presso Panda Edizioni, menzione d’onore narrativa inedita Prunola 2016, ingegnere informatico.
  • Graziella Canapei: scrittrice, bibliotecaria ed organizzatrice eventi vince il premio speciale Giacomo Massarotto per l’originalità al Prunola 2019 con l’inedito “Borotalco”.
  • Valter Garatti: scrittore presso Panda Edizioni, viene definito dalla critica un autore “onirico”. Vincitore del premio speciale della giuria “Locanda del Doge” 2016.
  • Virginia Ribaric Nonostante me: scrittrice e curatrice del blog www.nonostanteme.comvince la menzione d’onore sezione Narrativa Inedita al Prunola 2019
  • Carlo Vanin: scrittore presso più case editrici, libraio professionista fresco sposo di una meravigliosa libraia. Ultima pubblicazione: “Gli stonati” (aavv) con Neo Edizioni
  • Giovanna Zucca Scrittrice: scrittrice, filosofa ed infermiera pubblica con Fazi Editore ed in seguito con DeAPlaneta. Terzo posto sezione Editi al Prunola 2019 con ” Noi Due” DeAPlaneta

SERATA FINALE – Quest’anno l’evento conclusivo si terrà in Biblioteca. Un lungo “aperitivo letterario” accoglierà gli scrittori che potranno chiacchierare, scambiarsi opinioni e idee nella meravigliosa cornice dell’edificio storico. Durante la serata verranno premiati i vincitori delle sezioni.

PREMI – Nasce la sezione “racconti inediti” senza limiti di età di partecipazione, primo premio 600 euro.

MOSTRA – Grazie all’eccellente successo della scorsa edizione è stata confermata la mostra dedicata in Torre Civica nel mese di marzo 2020.

ACCOGLIENZA FINALISTI – Anche quest’anno è prevista la visita in Parco e Villa Bolasco grazie alla collaborazione con l’Università di Padova e la visita gratuita al Museo Casa Giorgione con una guida d’eccezione: Danila Dal Pos, architetto, esperta d’arte, che ha curato l’allestimento del museo stesso.

CATEGORIE IN GARA:

  • NARRATIVA EDITA: presente in tutte le edizioni. Narrativa “non di genere” (vengono quindi esclusi i manoscritti di tipo: poesia, noir, giallo, fantasy, fantascienza, horror, illustrati) e ambientata in territorio italiano. Le opere in concorso devono essere edite in lingua italiana e pubblicate nell’arco di tempo specificato nel bando per l’anno in corso. Per evitare qualsivoglia contestazione in merito alla serietà del Premio, sono esclusi i romanzi editi da Panda Edizioni, promotrice del Premio stesso. Per Narrativa Edita sono previsti premi in denaro.
  • NARRATIVA INEDITA: presente in tutte le edizioni. Narrativa “non di genere” (vengono quindi esclusi i manoscritti di tipo: poesia, noir, giallo, fantasy, fantascienza, horror, illustrati) e ambientata in territorio italiano. Le opere in concorso devono essere redatte in lingua italiana e costituite da più di 100.000 caratteri. L’opera deve essere originale e inedita, quindi non deve essere stata pubblicata – con o senza codice ISBN – su qualsivoglia supporto e/o comunicata al pubblico attraverso qualsivoglia strumento e/o piattaforma distributiva. L’opera vincitrice della sezione verrà successivamente pubblicata da Panda Edizioni; lo stesso può accadere in base alla volontà di autore/casa editrice per le eventuali menzioni d’onore.
  • PANDANOIR EDITO: Novità dell’edizione in corso. Categoria riservata alla Narrativa “noir, giallo, thriller” e ambientata in territorio italiano e ambientata in territorio italiano. Le opere in concorso devono essere edite in lingua italiana e pubblicate nell’arco di tempo specificato nel bando per l’anno in corso. Per evitare qualsivoglia contestazione in merito alla serietà del Premio, sono esclusi i romanzi editi da Panda Edizioni, promotrice del Premio stesso. Per Pandanoir Edito sono previsti premi in denaro.
  • SEZIONE RACCONTI: Ogni Autore può partecipare con un’unica Opera, di tipo “racconto inedito”. L’Opera deve essere scritta in lingua italiana, originale e inedita, quindi non pubblicata – con o senza codice ISBN – su qualsivoglia supporto e/o comunicata al pubblico attraverso qualsivoglia strumento e/o piattaforma distributiva. I partecipanti accettano implicitamente che le Opere inviate potranno essere incluse in una raccolta antologica di racconti pubblicata da Panda Edizioni, Si accetta inoltre che brani dei racconti potranno essere utilizzati in forma di spettacolo teatrale o letture animate che potranno essere messe in scena in forma itinerante o all’interno delle istituzioni scolastiche come forma di riconoscimento e/o promozione. Primo premio: 600 euro.

RACCONTI INEDITI e VITTORIA SERENA – La sezione “racconti inediti” prevede anche un premio speciale in denaro per il racconto che esprima al meglio particolari contenuti ispirati all’amore, all’amicizia, al valore consolatore della bellezza e dell’arte per i giovani; si tratta del “premio speciale Vittoria Serena”, giovane scrittrice castellana che ha scelto di lasciarci. A Vittoria è dedicato fin dal primo anno il Premio Letterario Prunola e a lei abbiamo deciso di dedicare l’ultimo piano della mostra dove troverete esposto “Viaggio d’Inverno” (libro postumo della scrittrice) nella solitudine e nella bellezza della cima, da cui osservare la nostra cittadina.

PREMIO SPECIALE “GIACOMO MASSAROTTO” – Giacomo Massarotto vinse la prima edizione del Premio Letterario Prunola nella categoria “Saggistica Inedita” con l’eccellete “Sapori e Leggende della cucina veneta” pubblicato successivamente da Panda Edizioni. Il libro è tutt’ora un successo di vendite ed è esposto al piano dedicato alla prima edizione. Purtroppo Giacomo non ritirò mai il suo premio a causa di un male che lo colpì pochi giorni prima della serata finale. Nonostante le cure e la tenacia perse la sua battaglia nel corso dell’inverno successivo, dopo aver completata la fase di editing dell’opera, di cui andava giustamente fiero. Non avendo mai potuto premiarlo sul palco dell’Accademico gli organizzatori hanno deciso di intitolare un premio speciale alla sua memoria. Il “Giacomo Massarotto” è riservato alla categoria “Narrativa Inedita” come riconoscimento all’opera che più ha colpito i giurati per l’originalità del testo.

Leggi anche:  "Caso Moro", Gero Grassi venerdì 8 sarà ad Asolo

STORIA DEL PREMIO GIORGIONE PRUNOLA – Il Premio nasce nel 2015 grazie al lavoro congiunto di Panda Edizioni, casa editrice castellana guidata da Andrea Tralli e DENTRO/CENTRO, associazione dei commercianti all’interno delle mura di Castelfranco Veneto (TV) che si occupa di iniziative atte a rivitalizzare la cittadina rappresentata dal consigliere Alessandro Coppo (scrittore presso Panda Edizioni) . Fin dalla prima edizione il premio riscuote un notevole successo in ambito letterario, attirando autori noti ed aspiranti tali: grazie ad una buona campagna comunicativa e mediatica tramite social network, web e quotidiani il Premio Prunola è riuscito a farsi notare piuttosto velocemente sul territorio italiano. La prima edizione vede primeggiare il pluripremiato scrittore Piergiorgio Pulixi sul palco della serata finale in qualità di vincitore della categoria “Narrativa Edita” con “L’appuntamento” (E/O Edizioni). A premiarlo è Matteo Strukul, capo giuria fresco dal grande successo “I Cavalieri del Nord” (Multiplayer Edizioni). La direzione del Premio Prunola è tutt’oggi in contatto con entrambi gli autori che nel frattempo hanno ottenuto eccellenti successi in tutta Europa (Pulixi: “Prima di dirti addio” E/O Edizioni, “Lo stupore della notte” Rizzoli. Strukul: “I Medici: una dinastia al potere” Newton Compton, vincitore premio Bancarella e “Casanova” Mondadori, vincitore premio Salgari). Piergiorgio Pulixi ha poi partecipato come giurato nella seconda edizione e Matteo Strukul ha citato l’editore Tralli nei ringraziamenti del suo ultimo best seller “Casanova”. La seconda edizione del Premio ha dato i natali a “Storie di straordinaria corsia” opera prima di Fanni Guidolin, infermiera specializzata a Ginevra nella cura di pazienti con stomie e cancro e curatrice del blog di successo “Pelvicstom”, vincitrice della categoria “Narrativa inedita”. Pubblicato da Panda Edizioni, il libro e la sua autrice sono stati premiati a Matera nel corso del primo congresso Assocare per aver “rivoluzionato il concetto di narrativa che cura”. Dopo oltre un anno dalla pubblicazione il testo continua a riscuotere successi sia nel mondo letterario che in quello medico. I risultati raggiunti in precedenza hanno creato le basi per un balzo in avanti del premio Prunola, concretizzatosi nella terza e ultima edizione. In giuria oltre alla già citata Fanni Guidolin e al vincitore della narrativa edita 2018 Luca Favaro (“Il tempo senza ore”, Nulla Die) troviamo Gianluca Ascione, apprezzato scrittore Panda e primo nella classifica di vendite ebook su Amazon a Dicembre 2016, la nota scrittrice castellana Lisa Festa (“Si no Miami”, “Si si New York” editi Mondadori e Panda Edizioni) e il fenomeno editoriale Giacomo Mazzariol (“Mio fratello rincorre i dinosauri”, Einaudi) resosi protagonista durante la serata finale di un monologo sui giovani e la letteratura che rimarrà nella storia del nostro premio. Era facile prevedere che quella del 2018 sarebbe stata l’edizione di maggior successo e le aspettative non sono state deluse: il bando è stato visualizzato oltre 15000 volte soltanto sul sito concorsiletterari.it , punto di riferimento italiano per questo tipo di manifestazioni. A questo già alto numero dobbiamo aggiungere le visualizzazioni ottenute sul sito di Panda Edizioni e su Facebook, arrivando agevolmente a superare le 20.000 visualizzazioni in pochissimi mesi. La naturale conseguenza è stata un gran numero di partecipanti in ogni categoria: parliamo di centinaia di manoscritti tra editi ed inediti, poesie e racconti, risultato ottenuto in sole 3 edizioni. Un successo ancora maggiore è la partecipazione di case editrici ed autori di alto livello: ricordiamo che i tre finalisti della sezione “editi” quest’anno erano rispettivamente Emanuele Ponturo (Avagliano Editore), Deborah Simeone (Mondadori) e Silvia Ferreri (Neo Edizioni), quest’ultima finalista allo STREGA 2018 – ci teniamo a specificare che “La madre di Eva” di Silvia Ferreri è stato nominato allo Strega soltanto DOPO che la nostra giuria l’aveva inserito tra i finalisti Prunola, il che naturalmente ha confermato la bontà e serietà del premio. Una menzione speciale è andato al criminologo di fama internazionale Antonio Fusco (Giunti), che peraltro non ha risparmiato elogi verso l’organizzazione. Per la prima volta la serata finale è stata trasmessa in diretta su un circuito di web Radio grazie a Radio Saiuz che ha già confermato la sua presenza per la prossima edizione visti anche gli ottimi ascolti ottenuti; numerosi articoli sono usciti su quotidiani locali ed ovviamente su blog e siti specializzati, ottenendo un buon riscontro sul piano della visibilità. I racconti della sezione studenti sono stati raccolti in un’antologia pubblicata da Panda Edizioni, così come il vincitore della sezione Narrativa Inedita “Lo Chalet” di Danilo Bottiroli, la menzione d’onore “Quale Padre” Thomas Tolin e il premio speciale Giacomo Massarotto andato ad “Adorata Amica” di Mario Merigo, critico musicale e musicologo.

DICHIARAZIONI
ASSESSORE, FRANCO PIVOTTI – «Ringrazio gli organizzatori perché questo premio si sta allargando per una grande risonanza nazionale. Per rafforzare il legame della Città con questo premio abbiamo istituito il Premio Città di Castelfranco Veneto alla carriera da destinare ad uno scrittore contemporaneo. Un premio consistente di 2 mila euro. Vogliamo così testimoniare l’importanza di questo premio che ha anche cambiato nome legandolo al Giorgione per un atto doveroso che dà lustro alla Città ed è un forte incentivo a scrivere ed a leggere ma anche a venire a Castelfranco per una risonanza nazionale che aiuta a far conoscere la Città.»