Giornate europee del Patrimonio culturale: gli eventi ad Asolo

I personaggi illustri, la cui memoria è custodita nel grazioso cimitero di Sant’Anna, le trincee della Grande Guerra, le torri e il Teatro Duse, il Maglio di Pagnano: nel penultimo weekend del mese si susseguiranno appuntamenti, visite guidate e incontri faranno conoscere la ricchezza storica, artistica e architettonica della “città dai cento orizzonti” e del territorio circostante. In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio Culturale, iniziativa congiunta del Consiglio d’Europa e della Commissione europea alla quale il Comune di Asolo aderisce sabato 21 e domenica 22 settembre con un susseguirsi di appuntamenti, visite guidate, incontri e laboratori per bambini, la “città dai cento orizzonti” si riscopre scrigno di storia e cultura tradizionalmente vocato all’accoglienza e all’ospitalità.

I luoghi simbolo

La scelta quest’anno è quella di puntare i riflettori in particolare su quattro luoghi simbolo, che sono stati al centro delle vicende storiche del borgo: il cimitero di Sant’Anna, che assieme al Museo civico custodisce la memoria degli illustri personaggi che vissero ad Asolo e la celebrarono, Forabosco e San Martino con le trincee della Grande Guerra, il Castello della Regina Cornaro e l’Antico Maglio di Pagnano. “La nostra città – spiega il sindaco del Comune di Asolo Mauro Migliorini – aderisce alle iniziative promosse a livello europeo per coinvolgere i cittadini nella conoscenza del patrimonio storico, artistico e naturale del territorio. Un programma di eventi che vede il coinvolgimento di associazioni, biblioteca comunale, Museo civico, agenzie culturali. Il ricco programma delle Giornate Europee del Patrimonio Culturale, si intreccia con quello della Settimana della Mobilità Sostenibile: nel weekend dedicato alla mobilità dolce e green, avremo la possibilità di apprezzare il patrimonio naturalistico della città. Un modo per coniugare cultura e sostenibilità ambientale, binomio sul quale stiamo lavorando nell’ottica del “bello” che può generare”. In queste location si svolgerà il denso programma della due giorni, che inizierà sabato 21 alle 11.00 al Cimitero di Sant’Anna. Il piccolo campo affacciato sul panorama del Monte Grappa custodisce la memoria della Divina Eleonora Duse, della scrittrice e viaggiatrice Freya Stark, del pioniere del moderno alpinismo e fondatore della prima Proloco italiana Ohannés Gurekian, del fotografo e pittore inglese Herbert Young Hammerton: a loro e a molti altri sarà dedicato il pannello illustrativo che verrà apposto all’ingresso del cimitero con una breve cerimonia. Per la Divina, in particolare, della quale nel 2024 saranno celebrati i cento anni dalla morte, è in corso di definizione un Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario di Eleonora Duse composto da Comune, Regione Veneto, Sovrintendenza, Commissione Cultura della Camera dei Deputati ed esperti a vario titolo. Si proseguirà nel pomeriggio nella Sala della Ragione, attigua al Museo civico di Asolo, dove alle 17.30 saranno presentate le attività di tutela e acquisto effettuate dal Museo: le opere d’arte restaurate, come il ritratto di Caterina Cornaro, e l’acquisto del fondo di 655 cartoline di Asolo d’epoca (fine Ottocento – anni Venti del Novecento) grazie al lascito di Corrado Fabris, la digitalizzazione del Fondo fotografico dell’Archivio e dell’erbario del botanico Pio Bolzon che comprende 170 specie di fiori e piante del territorio conservati in fogli di giornale di inizio Novecento (parte della raccolta è custodita all’Orto Botanico di Padova) e sarà inserita nella nuova postazione touch per la visione del materiale fotografico del Museo.

Leggi anche:  Denunciato operaio: girava in auto con 3 coltelli

I Percorsi della Grande Guerra domenica 22

Domenica 22 settembre il primo appuntamento della giornata, alle 10.00, sarà l’Inaugurazione percorsi Grande Guerra al quattrocentesco Maglio di Pagnano (pare sia il più antico d’Europa): la storica officina sarà il punto di partenza per un itinerario guidato dallo storico Emmanuele Petrin alla scoperta delle trincee e delle postazioni della Grande Guerra, con una prima tappa in Forabosco e una seconda a porta Colmarion (trasferimenti con mezzo pubblico, come segnale di adesione alla Settimana della Mobilità Sostenibile), dalla quale si potrà raggiungere a piedi San Martino. Si concluderà con un brindisi alla Baita di San Maurizio e con il ritorno al Maglio. La partecipazione è gratuita, massimo 30 partecipanti con prenotazione necessaria ( cultura@comune.asolo.tv.it , tel. 0423524637). Alle 11.30 si proseguirà con Due passi in Castello. Visita guidata alle Torri e al Teatro Duse, con ritrovo nel cortile del Castello della Regina Cornaro: tra storie di cortigiani e prigionieri e panorami mozzafiato si potranno ripercorrere i quasi mille anni di storia del maniero che fu per molto tempo un fervente polo culturale. La partecipazione è gratuita con prenotazione necessaria ( info@museoasolo.it , tel. 347 5735246). Nel pomeriggio di domenica, infine, spazio ai bambini (dai 4 ai 10 anni): per loro alle 15.00 si tornerà al Maglio di Pagnano per Storie a piedi corti e lunghi. Leonardo e la luna. Letture e laboratori, attività ideata dalla Commissione intercomunale sul Sentiero degli Ezzelini a cura della Biblioteca comunale di Asolo e dell’associazione Maga Camaja. La partecipazione è gratuita, massimo 50 partecipanti con prenotazione necessaria (Biblioteca comunale di Asolo, tel. 0423 951317). Nella provincia di Treviso i Comuni che aderiscono alle Giornate Europee del Patrimonio Culturale sono in tutto cinque (beniculturali.it).