Hervé Barmasse era oggi ad Asolo. Originario di Valtournenche e figlio dell’alpinista Marco Barmasse, Hervé è la quarta generazione di guide della sua famiglia. Maestro di sci dal 1996 e di snowboard dal 1997, guida alpina del Cervino dal 2000 e istruttore nazionale delle guide alpine dal 2007. E’ collaboratore e ospite fisso della trasmissione condotta da Camilla Raznovich, Alle falde del Kilimangiaro di Rai3.: “L’alpinismo è avventura, rischio, fatica, passione e amore; è la forza dell’uomo che supera sé stesso confrontandosi con i propri limiti, fisici e mentali. Nell’alpinismo dare il meglio di sé è d’obbligo, si mette in gioco la propria vita”, ha detto Harvè Barmasse che oggi ha incontrato il sindaco di Asolo, Mauro Migliorini.
“Sia i ciclisti che gli alpinisti sono scalatori: sanno entrambi cos’è l’amore  profondo per la montagna, aggiunge Hervé – Nato e cresciuto ai piedi del Cervino, in una famiglia in cui il mestiere di guida alpina si tramanda da diverse generazioni, sembrava che non avessi altra scelta se non quella di diventare anch’io un alpinista. In realtà tutto avvenne un po’ per caso e in modo graduale. A quindici anni ero una promessa dello sci poi un brutto incidente durante una competizione interruppe irrimediabilmente il mio futuro da professionista. Dopo un anno di riabilitazione, mio padre, decise di farmi un regalo: accompagnarmi sul Cervino. E così all’alba gelida di una mattina di ottobre eccomi pronto a scalare per la prima volta la Gran Becca. Allora non potevo immaginare che, attraverso la montagna, avrei vissuto alcuni dei momenti più importanti della mia vita. Quel giorno pensavo solo a camminare, a non inciampare e a non rallentare il passo di mio padre. Quel giorno sul Cervino, inconsapevolmente, avevo deciso quale sarebbe stato il mio futuro”.
Hervé Bermasse in breve:
Alpinista professionista
Atleta del global team The North face
Storyteller – Conferenze alpinistiche e motivazionali
Outdoor coaching and motivational day
Guida alpina
Istruttore delle guide alpine
Tecnico del soccorso alpino
Maestro di sci e di snowboard
Allenatore federale di sci alpino
Regista dei film Linea Continua e Non così Lontano
Autore del libro La montagna dentro edito da Laterza
Fotografo – Pubblicazioni per le principali riviste di montagna tra cui Alpinist, Desnivel, Meridiani Montagne, Alpin, Alp, Campo Base, Gory.
Dal 2010 ad oggi:
  • 2010 – Pakistan Shimshal Valley – Prima salita di alcune cascate di ghiaccio.
  • 2010 – Cervino – Parete sud – Via nuova Couloir Barmasse.
  • 2010 – Cina Venere Peak, cima inviolata di 6300 m.
  • 2011 – Cervino – Parete sud – Picco Muzio.
  • 2011 – Monte Bianco – Via nuova sul pilastro di Sinistra del Brouillard.
  • 2011 – Monte Rosa – parete valsesiana del Monte Rosa – Punta Gnifetti.
  • 2012 – Pakistan, Sing Gang Glacier/ Snow Lake. Prima salita di tre cime inviolate; traversata del Muki peak 6330 m circa, salita e discesa con gli sci di una cima di 5966 m sul versante orografico sinistro del Sing Fang Glacier e la salita di una cima minore delle Solu Tower di 5880 m.
  • 2013 – Patagonia – Inverno australe – gruppo del Cerro Torre e Fitz Roy – Prima salita invernale del Cerro Pollone; prima salita e prima invernale del Colmillos centrale e Colmillos di destra (sud).
  • 2014 – Cervino / Matterhorn. Primo concatenamento invernale e in solitaria delle 4 creste del Cervino. Partenza dal bivacco Bossi, salita delle cresta di Furggen per la via degli strapiombi (prima solitaria invernale della via) e discesa dalla cresta dell’Hornli per poi attraversare la base della parete Nord e salire nuovamente per la cresta di Zmutt. Discesa dalla cresta del Leone.
  • 2014 – Cervino / Matterhorn. Prima solitaria invernale della cresta di Furggen per la via degli strapiombi durante il concatenamento delle quattro creste del Cervino compiuto il 13 marzo 2014.
  • 2016 – Nepal, Ambulapcha peak 6400 m Cresta nord ovest salita in solitaria partendo da Chukung in 12 ore.
  • 2017 – Tibet, Shisha Pangma (8027m) Parete Sud – Salita in stile alpino della parete Sud dello Shisha Pangma in giornata. Sfruttando un’unica finestra di bel tempo di appena 24 ore insieme al tedesco David Gottler sale senza corde fisse e campi pre-allestiti, i 2200 metri della Parete Sud dello Shisha Pangma (8027 m) in appena 13 ore.
Leggi anche:  Salmonella nel salame San lorenzo di Cremona: lotto ritirato
Collaboratore e ospite fisso della trasmissione condotta da Camilla Raznovich, Alle falde del Kilimangiaro di Rai3.