I quattro vincitori del “Premio Locanda da Gerry”.

Sono una videomaker che vive a New York e lavora per Vice, uno dei più importanti siti di informazione mondialeuna violinista dal lungo palmarès di riconoscimenti, ultimo dei quali l’ingaggio al prestigioso teatro San Carlo di Napoli, e due fratelli che stanno rilanciando un’impresa artigiana dopo la scomparsa del padre i vincitori del Premio Locanda da Gerry 2019.

Elena Grosso, 27 anni di Roncade, Claudia Irene Tessaro, 23 anni di Vallà di Riese e i fratelli Riccardo e Marco Zanesco, 27 e 26 anni di Pederobba sono stati scelti nei giorni scorsi dalla giuria del riconoscimento che dal 2018 premia i talenti “under 35” che si siano distinti nel campo della cultura, dello sport, dell’impresa.

La cerimonia di consegna del Premio Locanda Da Gerry si svolgerà venerdì 21 giugno nell’omonimo ristorante Da Gerry di Monfumo nel corso di una serata speciale che renderà omaggio alla tradizione enogastronomica locale per dare il benvenuto all’estate.

Le loro storie raccontano la migliore gioventù fatta di coraggio, passione e determinazione:

Riccardo e Marco Zanesco, dopo la morte del padre, hanno rilevato l’azienda da lui fondata, la ORVI (Officina Riparazioni Veicoli Industriali) di Pederobba, che oggi ha sette dipendenti e ricavi per 1,5 milioni di euro.

Leggi anche:  "Mani bianche" e il video inclusivo che conquista Avellino

Elena Grosso ha fondato negli Usa una casa di produzione di video; collabora con Netflix e da alcuni mesi lavora a Vice, uno dei più importanti siti di informazione mondiale, come tecnico al montaggio e alla post produzione.

Claudia Irene Tessaro inizia  gli studi  di violino all’età di cinque anni e si diploma a 17 anni. Dal 2013 si perfeziona con Salvatore Accardo, colaborando anche col maestro Riccardo Muti. Suona un violino per lei espressamente costruito del Liutaio Franco Simeoni.

L’iniziativa del Premio Locanda da Gerry ha avuto il patrocinio di Confartigianato AsoloMontebelluna e Credito Trevigiano. Il ricavato della serata, attraverso una sottoscrizione libera, andrà a sostenere la Lega italiana per la lotta contro i tumori di Treviso (LILT).

L’anno scorso il Premio Locanda da Gerry era stato attribuito allo chef stellato Francesco Brutto, al designer e progettista Andrea Mocellin e alla campionessa mondiale di scherma Eleonora De Marchi.