Addio Matteo, tutta Montebelluna commossa per la sua scomparsa. “Eri un cucciolo e mi sei subito piaciuto. Sono stato sempre orgoglioso di te”, così in uno scritto di Giampiero, papà di “Moro”, accogliendo in Duomo a Montebelluna il feretro. Si è tenuto oggi il funerale di Matteo (Moro) Moretton, il 25enne di Montebelluna morto qualche giorno fa sulla strada Schiavonesca a Montebelluna, in direzione Volpago, cadendo con la sua moto. Una cerimonia toccante, mamma Alba e la sorella Sophia sono apparse molto provate dal dolore. Monsignor Antonio Genovese, all’arrivo in chiesa, ha cercato di consolarle all’ingresso in Duomo. “Un ragazzo buono, dotato di gentilezza, disponibilità, amore verso il prossimo e soprattutto verso chi era più in difficoltà. Il Signore lo ha sottratto e lo ha protetto da questa Terra piena di malignità e lo ha voluto con sé”, le parole del parroco di Montebelluna in un Duomo stracolmo. Tutta la città ha voluto rendere omaggio a questo ragazzo adorabile e adorato da tutti quelli che l’hanno conosciuto. Matteo ha lasciato il segno nella sua esistenza, nonostante sia stata breve, troppo breve.