Si è spento Franco Antiga, icona dell’arte tipografica italiana. L’imprenditoria trevigiana è in lutto per la scomparsa di Franco Antiga, 75 anni, stroncato da un male incurabile. Circa 50 anni fa aveva iniziato acquistando una macchina da stampa, era l’8 agosto del 1968 quando nasceva Grafiche Antiga, per diventare un’azienda che è un riferimento dell’arte tipografica italiana e che oggi conta circa 200 dipendenti nella sede di Crocetta del Montello. Si è spento accanto ai suoi famigliari, nella sua abitazione di Maser. Con i fratelli Silvio, Carlo e Mario conduceva una delle più note industrie nel settore della stampa e dell’editoria del Nordest. Franco Antiga è stato per due volte presidente della Confartigianato di Montebelluna (dal 1979 al 1983 e dal 1987 fino al 1989), e questa mattina l’unificata Confartigianato Asolo-Montebelluna lo ha ricordato, nel corso della conferenza stampa che si è tenuta proprio a La Corderia di Cornuda, dove aveva sede Grafiche Antiga e accanto a cui sorge la Tipoteca Italiana, opera fortemente ispirata e voluta dal grande imprenditore trevigiano. Ha ricoperto anche la carica di vicepresidente provinciale di Confartigianato e per lungo tempo quella di presidente della Cooperativa Artigiana di Garanzia dal 1983 al 1989 e di vicepresidente di Alleanza Artigiana dal novembre 1977 al marzo del 1978. Franco Antiga, dal 1998 al 2014, è stato anche vicepresidente di Veneto Banca e, negli anni, presidente di Banca Italo-romena e Fondazione Veneto Banca. Nel 2006 gli è stata conferita la laurea “honoris causa” in Economia. Lascia la moglie Alessandra De Faveri e i fratelli a cui era molto legato. Il funerale si terrà domani, sabato 11 gennaio, alle ore 14,30 presso la chiesa parrocchiale di Crocetta del Montello.