Siro Merotto, il «ciclo» completo del vino. L’Azienda Siro Merotto nasce nel 1960 da Giovanni e dal figlio Siro. Oggi proseguono la tradizione i nipoti Mirko e Nicola che coltivano i vigneti di proprietà situati sulle colline di Col San Martino, frazione di Farra di Soligo, territorio estremamente vocato alla produzione delle «bollicine».

Una proprietà che si estende su 7 ettari coltivati a Glera, dove troviamo anche qualche filare di vitigni tradizionali locali, quali il Verdiso, la Perera e la Bianchetta, per una produzione complessiva di circa 35mila bottiglie l’anno.

Sono papà Siro (che oggi ha 69 anni) e i figli Mirko (43 anni) e Nicola (37 anni) a portare avanti l’azienda che oggi vanta il ciclo completo di produzione, dalla coltivazione all’imbottigliamento, compresa la spumantizzazione, realizzata con il metodo Charmat normale (circa tre mesi in autoclave) e lungo (oltre 6 mesi).

Siro Merotto, il «ciclo» completo del vino

Nicola ha frequentato i 6 anni di enologia all’Istituto Cerletti di Conegliano e tre anni dell’Università di Padova nella sede distaccata di Conegliano. Anche per questo motivo l’azienda, negli ultimi anni, ha avuto un notevole sviluppo tecnico: “Stiamo completando la conversione in biologico – spiega Nicola Merotto – e i risultati sono molto soddisfacenti. In azienda svolgiamo tutta la filiera del vino, dall’uva alla bottiglia, tanto che facciamo parte della Fivi, Federazione italiana Vignaioli indipendenti”.

I vigneti sorgono su terreni calcarei, ricchi di llimo e argilla. Le radici affondano le radici nelle rocce acquisendo forti mineralità: «Grazie alla conformazione del terreno e al microclima, i nostri vini – sottolinea Nicola – si contraddistinguono per sapidità, corpo, acidità e lunghezza. Sono prodotti esclusivamente con uve Glera e altre vecchie varietà tipiche della zona. Le uve sono raccolte a mano per preservarne la qualità che otteniamo lavorando i nostri vigneti nel modo più naturale ed organico possibile. Il lavoro prosegue in cantina dove seguiamo metodi molto tradizionali ed affiniamo per lungo tempo le nostre basi ed i nostri vini sui propri lieviti, in modo da ottenere il giusto equilibrio tra acidità, mineralità e struttura. La rifermentazione delle nostre basi – aggiunge Nicola – avviene a basse temperature per esaltarne l’eleganza e creare un “perlage” di ottima finezza. L’intera azienda sfrutta l’energia prodotta da impianti fotovoltaici che ci permettono di essere energeticamente indipendenti e rispettosi dell’ambiente».

E, oltre all degustazione dei vini, visita guidata in cantina e tra i vigneti, l’azienda agricola Siro Merotto propone anche attività svolte nello straordinario scenario ambientale delle colline oggi patrimonio Unesco.

Tra i vari servizi che offriamo alla nostra clientela – spiega Nicola Merotto – abbiamo anche il ‘Wine Cycle’, un tour in bicicletta tra i nostri vigneti, da dove si possono ammirare panorami straordinari”.