A Castelfranco aperto il bando per il corso badanti. L’ISIS Florence Nightingale, con la partnership dell’Assessorato ai Servizi Sociali che ha curato la progettualità, ha pubblicato il bando per il “Corso di formazione per la figura di collaboratore domiciliare a sostegno delle persone anziane”, meglio noto come badante. In Municipio, questa mattina, la presentazione da parte dell’assessore ai Servizi Sociali, Sandra Piva e della nuova dirigente scolastica del Nightingale, Mariella Pesce.

Il corso, alla sua seconda edizione, ha per intento quello di formare badanti in grado di intervenire in modo professionale nell’assistenza di anziani acquisendo nozioni di primo soccorso, di psicologia, utilizzo di farmaci ed ancora rapporti con i famigliari, legislazione, alimentazione ed esigenze igieniche e sanitarie. Dall’altra vuole offrire un’opportunità lavorativa non solo a persone italiane o straniere di Mezza età alla ricerca di lavoro ma anche ai giovani diplomati.

Le domande, da consegnare direttamente al Nightingale, posso essere presentate da persone tra i 18 e 55 anni, residenti a Castelfranco Veneto o nei comuni limitrofi, italiane o straniere ma con regolare permesso di soggiorno. Il corso è gratuito previo versamento di 30 euro quale copertura assicurativa e prevede 100 ore di formazione tra i mesi di novembre e gennaio 2020 suddivise in 65 ore di teoria (lezioni di 3 ore in fascia pomeridiana) e 35 ore di tirocinio. Il corso terminerà con un test finale e rilascio di un attestato di partecipazione. 25 i posti disponibili. Nel caso di un maggior numero di richieste verrà stilata una graduatoria con criteri di residenza ed età, graduatoria che sarà resa pubblica il 10 novembre 2019.

Leggi anche:  «La Casa Vecchia», nel cuore del Cartizze | Famiglie del Valdobbiadene

A conseguire il diploma lo scorso anno son state 15 persone, per la quasi totalità donne tanto italiane che straniere. L’Amministrazione comunale, consapevole dell’importanza del progetto di qualificazione a beneficio di famiglie a costante ricercare di assistenti famigliari, ha destinato 5.000 euro per l’iniziativa facendosi oltremodo parte attiva nei rapporti con la Consulta della Terza Età e con i professionisti dell’ULSS 2 Marca Trevigiana.

Dichiarazioni

 

ASSESSORE, SANDRA PIVA – «Come Amministrazione abbiamo sentito il bisogno di tutelare l’anziano che si trova in situazioni di difficoltà. Sin dal nostro insediamento ci siamo posti l’obiettivo di mantenere il più possibile l’anziano a casa, nel suo luogo famigliare e tra i suoi affetti evitando il trauma dello spostamento. Il Nightingale si è attivato con grande capacità per questo corso che oltremodo offre l’opportunità alle straniere di integrarsi nella nostra cultura, nell’utilizzo del cibo e delle abitudini dei cittadini anziani.»