“L’economia del benessere” con le Generali di Montebelluna. L’Agenzia Generale di Montebelluna di Generali Italia martedì 18 giugno coinvolgerà pubblico e professionisti in un incontro dedicato al benessere condiviso che rimette al centro della vita aziendale l’uomo e l’ambiente.

Interverranno il presidente della Pontificia Accademia delle Scienze sociali Stefano Zamagni e il docente di economia politica Massimiliano Marzo, ampio spazio sarà dedicato allo scambio di esperienza e alle best practice locali.

Il territorio veneto è da sempre riconosciuto come patria del profitto, della produzione e del lavoro prima di tutto, ma non sempre al benessere economico corrisponde il benessere sociale: per discutere di come il profitto e la felicità possano crescere di pari passo martedì 18 giugno alle 16.30 al Bhr Best Western Premium Treviso Hotel di Quinto di Treviso l’Agenzia Generale di Montebelluna di Generali Italia promuove il convegno L’Economia del BenEssere.

Ad analizzare le strategie e gli effetti pratici del “nuovo pensiero economico” saranno due esperti del fenomeno delle società benefit di rilievo internazionale, Stefano Zamagni, già docente di economia politica all’Università di Bologna e ora presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, e Massimiliano Marzo, professore di Economia Politica all’Università di Bologna; i relatori saranno coordinati dal giornalista e scrittore Maurizio Crema.

Il benessere dei dipendenti e il rispetto per l’ambiente sono un fattore di competitività per le imprese, – dichiara Zamagniil paradosso della felicità ci insegna che all’aumentare il reddito non corrisponde un aumento lineare della felicità: esiste un limite preciso, superato il quale la felicità comincia a diminuire, determinando una sensibile flessione delle performance lavorative. Tutti gli indicatori confermano che il fenomeno è in rapida crescita anche in Veneto ed evidenziano che a risentirne sono, in ultima analisi, non solo gli individui, ma anche la produttività delle imprese. È fondamentale per le aziende, soprattutto quelle venete che sono in ritardo rispetto al trend nazionale, tenere conto del benessere sociale dei propri addetti, garantendo loro sevizi e benefit che rimettano l’uomo al centro dell’attenzione”.

Il convegno sarà l’occasione per approfondire l’impatto di questo nuovo approccio sulla specificità del tessuto economico locale con la presentazione di alcune best practice: si potrà così comprendere come un territorio per tradizione votato alla produzione stia reagendo di fronte all’ascesa di un modello che privilegia il benessere dell’ambiente e delle persone, per passare da Pil – Prodotto interno lordo a Bil – Benessere interno lordo.

Per informazioni: www.generalimontebelluna.com sezione Eventi