Prima sfilata dell’Asolo Fashion Lab. Ieri sera all’Hangar Fornace di Asolo ha avuto luogo la sfilata dei capi d’abbigliamento ideati e realizzati dai partecipanti al secondo corso organizzato da Asolo Fashion Lab.

 

Si tratta di una nuova accademia di formazione nel campo della moda e dell’immagine. E’ stata fortemente voluta e sostenuta da Confartigianato AsoloMontebelluna in collaborazione con Gian Pietro Muraro, stilista e consulente di moda con una lunga esperienza a livello internazionale. L’accademia ha origine nella necessità di sostenere l’eccellenza della manifattura italiana e formare persone dall’alto livello di professionalità.

Il corso, che aveva preso l’avvio nel mese di dicembre dello scorso anno, ha visto la partecipazione di sette entusiasti allievi, questi i loro nomi: Francesca Bortoletto, Giuseppina De Gregorio, Lodovica Tondello, Lorella Pellizzer, Stefania Ceccato, Francesca Coppola e Giorgio Trimboli.

Le lezioni, teoriche e pratiche, che si sono svolte sotto l’attenta direzione tecnica di Gian Pietro Muraro, hanno visto quali docenti formatori, oltre allo stesso Muraro, gli specialisti del settore moda ed immagine: Sergio AMADIO, Paola ABITI, Federica PRETO, Marina DENTI, Laura ZECCHIN e Jacopo PALLONI.

Nell’ambito dei tre indirizzi di formazione (fashion product manager, modellista e sampling-campionarista), le lezioni si sono focalizzate sulla storia dell’arte, sullo studio dei colori, sul disegno di figurini, sull’uso dei programmi di computer grafica, sulla sostenibilità dei materiali ed ovviamente sulle tecniche del cucito.

Nell’intervento di presentazione della serata lo stilista Gian Pietro Muraro ha dichiarato che il corso fornisce le indicazioni necessarie affinché l’allievo abbia una crescita graduale, dapprima teorica e poi pratica, che lo porti ad utilizzare matite, tessuti, gessi e metro da sarto per arrivare alla computer grafica. Il corso della durata di 200 ore proseguirà con due mesi di stage presso importanti aziende del settore.

Il Presidente della Confartigianato Asolo Montebelluna Fausto Bosa ha indicato in Asolo Fashion Lab la risposta da parte dell’Associazione alle difficoltà delle aziende nel reperire personale in possesso di specifiche competenze tecniche.

 

Leggi anche:  Riva de Milan, dall’Ottocento si fa buon vino | Famiglie del Valdobbiadene

 

 

 

Non tutti i partecipanti erano alla loro prima esperienza nel settore della moda considerato che alcune aziende locali hanno fatto svolgere il corso a dei loro dipendenti al fine di poter disporre di personale maggiormente specializzato.

Ad ottobre Asolo Fashion Lab darà inizio al nuovo anno accademico con i corsi: product manager, modellista uomo e donna, sampling – campionarista, visual merchandiser, fashion designer, come diventare una top model e make up per moda, fotografia e spettacolo.

La presentazione dei capi di abbigliamento è stata intervallata dalle esibizioni delle allieve dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Arte in Movimento di Asolo, scuola il cui valore è attestato dal riconoscimento ricevuto dalla Royal Academy of Dance di Londra.