Contributi per le attività educative alle parrocchie montebellunesi . Per il terzo anno consecutivo il Comune di Montebelluna ha deciso di stanziare 10mila euro per sostenere le realtà locali che promuovono attività educative rivolte ai ragazzi durante l’estate. Una somma messa a disposizione a sostegno delle attività educative gestite da animatori volontari nel corso dell’estate e che ogni anno riscuotono molto consenso presso le famiglie. Quei progetti ed iniziative, senza scopo di lucro, di carattere sociale ed educativo a sostegno delle famiglie nell’ottica della conciliazione famiglia – lavoro, denominati «Grest». La scelta di contribuire rappresenta un’iniziativa portata avanti dai tre assessorati, Servizi sociali, politiche giovanili e politiche famigliari ed è nata per rispondere a vari scopi, quali quello di potenziare l’offerta socio-educativa nel territorio, quella di valorizzare le stesse parrocchie impegnate nell’educazione di bambini e ragazzi e quella di sostenere le famiglie nell’ottica della conciliazione famiglia-lavoro.

L’assegnazione dei contributi avverrà, come lo scorso anno, nel rispetto di alcuni criteri, tra cui il numero dei soggetti coinvolti, l’esenzione o la riduzione della quote di partecipazione, la durata e l’articolazione oraria delle attività, l’organizzazione di ulteriore attività oltre all’animazione (uscite, campi scuola) e la formazione dei volontari.

Leggi anche:  Luigi Calesso: "Chi ha visto il giardino sensoriale a Sant'Andrea?"

A differenza che nelle scorse due edizioni, quando la quota messa a disposizione proveniva da un finanziamento regionale, quest’anno l’importo è finanziato completamente dal Comune.

E’ una scelta dell’amministrazione comunale quella di favorire attività per i giovani che risponde a formule ormai consuetudinarie all’interno della comunità per favorire la socializzazione tra i giovani e una crescita ispirata ai valori comunitari.

E’ da sottolineare che nelle parrocchie i Grest sono aperti a tutti, bambini e bambine, ragazzi e ragazze e non rispondono in modo stretto a requisii confessionali. Anzi si tratta di iniziative che favoriscono l’integrazione.

Le parrocchie le realtà interessante possono presentare domanda entro il prossimo 25 novembre.