“L’Arpav ha certificato che all’Aeroglass Filtri ci sono emissioni di formaldeide, sostanza considerata cancerogena, superiori ai limiti di legge. Cosa intende fare la Giunta Zaia per tutelare la salute di lavoratori e cittadini nonché l’ambiente?”. La domanda è di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico, che ha presentato un’interrogazione indirizzata all’Assessore regionale alla SanitàLazzarin e all’assessore all’Ambiente Bottacin, in seguito ai monitoraggi effettuati dall’Agenzia regionale per la protezione ambientale, su richiesta della Provincia di Treviso, presso la ditta di Ospedaletto di Istrana che produce filtri per l’aria in fibre di vetro.

Stando alle rilevazioni, sottolinea ancora Zanoni – i valori supererebbero di ben 15 volte i parametri massimi fissati dalla legge, 303mg/Nm3 contro 20mg/Nm3. “Ho chiesto i documenti ufficiali ad Arpav e sentito le rappresentanze sindacali della Femca Cisl in merito all’allarme lanciato da quest’ultima. Un allarme che ritengo più che giustificato, specialmente per i lavoratori dell’impianto di essiccazione dove sono state registrate le concentrazioni massime delle sostanze cancerogene.

Leggi anche:  Ex Bessegato: assegnata la gestione del capannone

Nella relazione di Arpav, inoltre, verrebbe evidenziata una violazione della legge in materia di tutela dell’aria e riduzione delle emissioni in atmosfera. “Non possiamo accontentarci”, continua Zanoni. “Servono ulteriori analisi sulla qualità dell’aria e visite mediche per monitorare la salute dei 50 dipendenti a carico dell’Aeroglass. Anche la Regione faccia la propria parte e dica come intende agire per tutelare la salute dei lavoratori, dei residenti  e dell’ambiente.