Super Pantere, Imoco al primo match point scudetto. Ed è 2-0. Le Pantere di Conegliano vincono per 3 a 0 anche la gara 2 contro il Novara nella finale scudetto di volley femminile. Le “feline” di coach Santarelli sono a caccia del terzo titolo italiano, cercando di bissare quello conquistato nella passata stagione. Dopo un primo set senza storie a favore delle coneglianesi, Novara riesce a restare sempre in partita in entrambi i set successivi. ma l’Imoco è spietata e chiude di misura sia il secondo che il terzo set. Lunedì, bando alla scaramanzia, ancora al Palaverde di Conegliano, dovrebbe essere la serata del trionfo.

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO-IGOR GORGONZOLA NOVARA 3-0
(25-16,25-23,25-23)
IGOR
: Bartsch 7, Veljkovic 4, Egonu 19, Plak 4, Chirichella 1,Carlini 2, Sansonna (L), Nizetich, Bici n.e., Piccinini 1, Camera ne, Zannoni ,Stufi 2. All. Barbolini.
IMOCO: Danesi 8, Fabris 11, Hill 12, De Kruijf 6, Wolosz 4, Sylla 13, De Gennaro (L), Fersino, Tirozzi, Lowe 1, Folie ne, Moretto ne, Rodríguez ne,, Bechis ne. All. Santarelli.
Arbitri: Pozzato e Piana
Spettatori: 5.344 (tutto esaurito)
Durata set: 22′,30′,26′
Note: Errori battuta Igor 6, Imoco 15; Aces 2–3; Muri:5 –8 ; Errori Attacco: 14–6. MVP: Wolosz

Tutto esaurito al Palaverde per gara2 di finale della sfida infinita tra Imoco Volley e Igor Novara, che inizia sulle note dell’inno di Mameli eseguito dalla Banda degli Alpini di Conegliano, tradizione fissa delle finali scudetto delle Pantere.

In una fantastica atmosfera inizia il match e coach Santarelli conferma lo starting six della vittoria in gara1 con Wolosz-Fabris, Danesi-De Kruijf, Hill-Sylla, libero Monica De Gennaro. Risponde Novara con Carlini-Egonu, Chirichella-Veljkovic, Plak-Bartsch, libero Sansonna.

Il primo set vede le Pantere continuare il monologo di gara1, con il primo strappo sul 7-5 con una Fabris in grande spolvero. Egonu (solo 2 punti nel primo set) riesce a pareggiare, ma c’e’ un nuovo break (4-0) propiziato da Hill e ancora Fabris, ben smarcate da capitan Wolosz (MVP del match alla fine), per l’11-7. L’Igor, priva del suo faro in attacco, non riesce a reagire e si rompe l’argine: Kim Hill dà spettacolo in attacco e a muro, Miriam Sylla martella, De Gennaro difende, Novara sbaglia troppo (14 errori in attacco di Novara alla fine contro soli 6 dell’Imoco) e Conegliano scappa via (18-12, 20-13), fino a chiudere con Sam Fabris (6 punti nel set con il 66%) per un comodo 25-16 in poco più di 20 minuti.

Nel secondo set le piemontesi trovano la strada per fare partita pari con gli attacchi di Bartsch e di una ritrovata Paola Egonu (8 punti nel set): dal vantaggio gialloblù 9-6 l’Igor riesce a ricucire fino al 9-9 complice anche un muro di Chirichella. Ma Conegliano non si scompone, Wolosz comincia a rimpinzare di palloni al centro le sue centrali e sia De Kruijf che Danesi mettono giù palloni importanti, rendendo la vita difficile al muro piemontese. Tre punti in fila di una scatenata Anna Danesi (un attacco e due “monster blocks”, 6 punti in totale nel set per la bresciana) permettono alle Pantere un ulteriore allungo a +4 (19-15), poi Sam Fabris e Sylla tengono il vantaggio (22-17). Un passaggio a vuoto di Fabris e un paio di sassate di Egonu rimettono in scia l’Igor (23-21), poi ancora l’opposta ospite sigla il -1 (24-23), ma la muraglia umana del Palaverde può esplodere di gioia per il 25-23 che manda Conegliano avanti 2-0.

Leggi anche:  Finale a sorpresa per il Torneo delle Contrade di Fossalunga

Terzo set, pronti-via e le Pantere di coach Santarelli scappano via decise, 5-0, poi 7-1 con Moki De Gennaro che fa miracoli in difesa e Miriam Sylla (top scorer con 13 punti, il 57% in attacco e 2 muri) scatenata in attacco a dare una mano a Fabris (11 punti). Pian piano però Novara torna sotto (10-5) con Carlini che ora si affida praticamente solo a Paola Egonu. Tre punti in fila dell’azzurra riportano la squadra ospite a -2 (11-9) e per una volta è la panchina gialloblù a chiedere time out dopo i tanti obbligati chiamati da Barbolini. All’uscita dalla sospensione Conegliano ritrova smalto, Robin De Kruijf si intende a meraviglia con Wolosz e confeziona punti pesanti che riportano le Pantere a +6 (16-10), mentre Novara non è continua e nonostante gli ingressi dalla panchina (Piccinini e Nizetich) non ha la forza per restare attaccata. Ci prova la “solita” Egonu (19 punti e il 43% in attacco con 2 muri) a forzare la rimonta, riportando Novara a -3 (16-13). Hill (12 punti), una super Sylla e un ace di Wolosz fanno allungare Conegliano 19-16, ma non è finita. L’Imoco sbaglia qualcosa di troppo e dopo il 23-21 di Danesi, sono Egonu e Bartsch (ace) a siglare la parità a quota 23, mentre dopo Tirozzi entra Karsta Lowe per Fabris. Brividi per il pubblico del Palaverde, ma proprio la mancina californiana piazza il 24-23 e sul primo match ball Egonu spara out per la festa del pubblico del Palaverde: 25-23 e anche gara2 finisce 3-0! Ma non è finita, lunedì sarà ancora finale al Palaverde con gara3.

ASIA WOLOSZ, MVP

“E’ stato bellissimo giocare oggi in un ambiente così, con un pubblico fantastico, e siamo felicissime di aver regalato ai tifosi una grande soddisfazione vincendo una bella partita. Oggi è stato un po’ diverso rispetto a gara1, noi abbiamo sbagliato qualcosa di più e Novara ad esempio nel finale del terzo set si è fatta sotto minacciosa, lì ci siamo innervosite un po’ e siamo riuscite a vincere il parziale con difficoltà. Questo vuol dire che loro sono sempre una squadra forte e temibile, capace di fare grandi cose e certamente non molleranno. Certamente lunedì verranno qui per dare il tutto per tutto, consapevoli che avranno poco da perdere. Mi aspetto la loro reazione, ma noi non staremo a guardare e cercheremo di migliorare ancora per fare un’altra bella partita. Ci sarà un altro tutto esaurito e sarà un grande spettacolo, proveremo a chiudere la serie, ma ci vorrà la migliore Imoco.”

Tra 48 ore, lunedì alle 20.30, si replica con gara3 ancora al Palaverde. Ultimissimi biglietti in vendita on line sulla sezione “biglietteria” del sito.